Ecco l'agnello di Dio
La storia del rapporto tra Dio e l’uomo è una storia di domande e di ricerca. Entrambi cercatori d’amore. Gesù si rivolge ai nostri desideri più profondi, fa appello non all’intelligenza, non alla volontà, non alle emozioni o alle scelte, ma a qualcosa di più vitale e ancora più profondo. Chiama il cuore, il cuore incompiuto. Gesù, maestro del desiderio, chiede di comprendere se stessi: quel che ci manca, di che cosa abbiamo fame e sete. Solo cercando risposte è possibile trovare l'identità più profonda. Ogni cuore d’uomo porta scritto di andare oltre. Cristo non chiede sacrifici, rinunce, impegni e sforzi: chiede di entrare in noi stessi, di conoscere il proprio cuore, di pellegrinare verso l'intimo più vero per sentire cosa sazia le profondità della vita. Quello che regala gioia veramente.
Leggi tutto...
 
L'estasi del nido

Sull'isola di Palawan, nelle Filippine, ci si arriva con poco più di un'ora di aereo da Manila. Si vola su carrette da diciotto posti che atterrano sulla breve pista in terra battuta di El Nido. Un canale avvolto da una giugla di mangrovie è lì ad attendere sognanti viaggiatori. Noleggiata una jeep della seconda guerra mondiale da un francese zoppo si attraversano fiumi senza ponti e si percorrono quasi due ore di distastrati sentieri in mezzo a giungle di bambù e terrazze coltivate a risaie fino ad arrivare a barangai Teniguiban: un esile villaggio di agricoltori e pescatori, lontanissimo da tutto, che sembra spuntare dalla terra come un palmizio.

Leggi tutto...
 
E sia fatta la tua volontà

Svegliarsi e dormire. Nascere e morire. Giorno e notte, luce e ombra. Non esiste sospensione all'eternità. Quanto dolore però nella separazione. Ho chiesto che potessi alzarti e camminare come Lazzaro ma non sono stato ascoltato. Cara sorella mia, ti ricordo alta, dolcissima nelle tue forme morbide. La tua bellezza discreta, gentile, i lunghi capelli biondi di adolescente, il tuo sguardo amabile, la tua pelle chiarissima, le guance rotonde e rosse, gli occhi d'ambra profondissimi. Ti ricordo così mia cara amica, seduta accanto a me, su una panca di legno, in quella grande casa di collina insieme a tanti amici d'infanzia. Siamo fatti di spirito, non di carne. E non si vive invano, non si semina senza raccogliere.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Succ. > Fine >>

Pagina 18 di 31